Piccole imprese italiane : Export e internazionalizzazione sono fattori decisivi per espandersi.
Export e internazionalizzazione sono fattori decisivi per espandersi  (Estratto da SACE/SIMEST)  Per...
Riserve d’oro e zero debito: perché la Russia si salverà dall’apocalisse economica post-coronavirus. – Per la prima volta l’oro supera i dollari nelle riserve russe.
Riserve d’oro e zero debito, perché la Russia si salverà dall’apocalisse economica (Estratto da Sput...
Putin la ripresa economica in Russia già alla fine del 2021. Ripresa al +3,3%. Cresce l’attività economica privata da parte dei cittadini russi.
Putin la  ripresa economica in Russia già alla fine del 2021. L’economia russa uscirà dalla crisi, c...
Strategia per uscire dall'impasse e fare qualcosa per i vostri affari.
HAI MAI PENSATO DI FARE AFFARI IN RUSSIA/EURASIA? PROMUOVERTI E PRESENTARTI IN QUESTO ENORME MERCAT...
L’economia russa resiste alla crisi. Maxi piano per la ripresa economica. Il rublo si rafforza…cooperazione tra l'Italia e la Russia.
Dopo il drammatico calo del mese di aprile nel maggio 2020 la recessione ha rallentato il passo. Aum...
Russia: La spesa al consumo è tornata ai livelli del 2019. Putin: Firma il decreto di sviluppo nazionale.
Il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ha firmato nella giornata di ieri un decreto ...
La Russia tra i 10 Paesi più attraenti per gli investitori globali. La Russia uno dei cinque Paesi leader del mondo - Rafforzamento della moneta russa già entro la fine del 2020.
Secondo gli analisti l’egemonia degli Stati Uniti sta per finire . Oltre alla Russia tra i nuovi Pae...
Nonostante il deterioramento dell’economia globale la Russia è in grado di mantenere la stabilità economica a lungo termine di tempo. • Aumenta il ruolo strategico del mercato russo, dice Banca Intesa.
L’economia della Russia sta per affrontare una situazione di emergenza a causa della pandemia del co...
Russia: un “mercato” dove l’imprenditoria Italiana potrà far fronte alle criticità internazionali. – Se hai mai pensato a fare business in Russia/Eurasia ora è il momento di provare
La nostra partnership per il vostro business in Russia/EurasiaPerché una partnership per i vostri af...
La Russia apre agli imprenditori … Italiani –
La Russia apre agli imprenditori … Italiani – E l’economia globale rischia un’altra “Grande Crisi” m...

Piccole imprese italiane : Export e internazionalizzazione sono fattori decisivi per espandersi.

Export e internazionalizzazione sono fattori decisivi per espandersi  (Estratto da SACE/SIMEST)

 Perché le imprese italiane che esportano sono così poche?

 Il 60% delle imprese italiane che hanno scelto di esportare contano meno di 10 dipendenti.

Il mercato italiano e quello europeo rappresentano solo una modesta porzione della domanda a cui le imprese possono attingere

 Siamo spesso erroneamente indotti a pensare che l’export sia alla portata soltanto di imprese di grande dimensione, soprattutto se tali investimenti sono rivolti a mercati extra-europei.

Secondo il rapporto Ice 2018-2019, in realtà, quasi il 60% delle imprese italiane che hanno scelto di esportare contano meno di 10 dipendenti.

La percentuale supera l’80% se si considerano anche le imprese fino a 50 dipendenti.

 Esportare aiuta a mitigare i rischi

 Le nostre imprese esportatrici che operano in un solo mercato corrispondono a circa il 42%. Se invece si considerano quelle che esportano in due mercati si va oltre il 50%. Nonostante l’elevata percentuale, il loro peso sull’export totale è di poco superiore al 3%.

 Ricercare opportunità in diversi mercati aiuta soprattutto a mitigare i rischi. Le grandi sfide per le imprese italiane di piccola e media dimensione sono principalmente due:

 affacciarsi con costanza sui mercati internazionali e diversificare le mete secondo le proprie possibilità.

 Le ragioni per cui la tua azienda dovrebbe internazionalizzarsi

 Le imprese esportatrici sono state in grado di reggere la competizione internazionale legata ai bassi costi di produzione di alcuni Paesi emergenti grazie a una notevole capacità di adattamento (anche dal punto di vista settoriale) e spostando la propria strategia di export su altri fattori quali il brand, la qualità, la rete di distribuzione e i servizi post-vendita.

 Ma esportare non è l’unica via per internazionalizzarsi.

Talvolta si rende infatti necessario andare a produrre e investire all’estero per ragioni strutturali e strategiche che esulano dalla mera riduzione dei costi di produzione: 

  • ampliare le dimensioni d’impresa per poter competere con i grandi player che operano su scala globale;
  • aggirare le barriere protezionistiche, ovvero dazi e barriere non tariffarie che ostacolano (o impediscono) il realizzarsi delle transazioni;
  • esigenze di prossimità, per presidiare direttamente quei mercati in cui l’export da solo non è sufficiente a garantirne una penetrazione efficace; per minimizzare il time to market;
  • per sfruttare le sinergie con i clienti4;
  • usufruire delle materie prime dei Paesi esteri, risorse di cui l’Italia non dispone in abbondanza.

 Oggi la crescita delle imprese passa soprattutto per la via dell’internazionalizzazione.

 Il mercato italiano e quello europeo rappresentano solo una modesta porzione della domanda a cui le imprese possono attingere.

 Le imprese esportatrici presentano risultati migliori in termini di crescita del fatturato, redditività, profittabilità e solvibilità rispetto alle imprese non esportatrici.

 Esportare non è l’unica via per internazionalizzarsi, si può rendere necessario andare a produrre e investire all’estero per ragioni strutturali e strategiche con effetti positivi anche sull’economia interna.

 Per andare all’estero è necessario dotarsi di una struttura adeguata, accumulare know how e avvalersi di esperti capaci di guidare il processo di internazionalizzazione. www.consultpartners.org 

 

© 2012 - 2021
"Consulenti & Partners". All rights reserved.